Oslob: squali balena!

Sono anni che rincorrete gli squali balena, ma non riuscite ad incontrarli? Non li avete mai avvistati e vi chiedete come sia la sensazione di incontrare il più grande squalo esistente al mondo?

Beh.. se volete vederli ed andare sul sicuro… il posto giusto è Oslob, nell’isola di Cebu, nelle Filippine!

Qui ad Oslob da anni i pescatori del posto avvicinano gli squali balena ogni mattina dopo l’alba e li nutrono di plancton, cibo di cui sono ghiotti questi giganti buoni, che ormai si sono stabilizzati nella zona.

L’esperienza è magnifica, forse un po’ turistica, ma è il prezzo da pagare per essere sicuri di nuotarci assieme. D’altra parte gli squali sono ben protetti dalle guide locali, sempre pronte a riprendere chi non rispetta le distanze di sicurezza, che rischia dalla multa all’arresto.

Come arrivare ad Olsob: la via più veloce è un rapido volo interno da Manila (o dalle altre isole dove vi trovate) verso Cebu town, nell’isola di Cebu. Da qui, si organizza facilmente uno spostamento via terra di qualche ora prenotando un van (anche da casa prima di partire). Prenotare è molto facile, basta cercare online “Transfer Cebu-Oslob” o contattare direttamente il Resort dove si dormirà a Oslob.

Dove dormire a Oslob: i principali resort risiedono tutti nella zona adiacente a dove si svolgerà la “Whale Shark Experience”, zona “Tan-Awan”. Non importa che siate ‘estremamente’ vicini, in genere i Resort stessi organizzeranno per voi il trasferimento, via van o via tuk-tuk, al luogo di incontro la mattina stessa. Noi abbiamo dormito qui all’Island Front Resort (https://www.booking.com/hotel/ph/island-47-beach-front-guestroom.it.html), abbiamo prenotato via booking e ci siamo trovati bene (le camere sono molto spartane e vi consiglio di portarvi contanti, poiché sarà difficile pagare con carta o prelevare). Tra l’altro, proprio a pochi metri dalla riva di questo Resort troverete una bellissima barriera corallina.

Whale shark experience: l’esperienza sarà breve, ma intensa! Inizia prestissimo prima dell’alba e finisce poche ore dopo, in tempo per la colazione, per poi godervi il resto della giornata tra una nuotata e un ricordo buffo sugli squali balena. Il nostro Resort aveva organizzato tutto per noi. La sera prima ci eravamo accordati per incontrarci alle 5 del mattino fuori in cortile. Da lì un van ci ha portato al luogo d’incontro dove ci aspettava un bel briefing sulle regole da seguire durante la nuotata.

Finito il briefing, sarete belli svegli ed eccitati, la notte avrà lasciato il posto ad un’alba spettacolare (vi consiglio una bella foto perché la luce e i colori sono mozzafiato) e, una volta dotati di giubbotti salvagenti, salirete su lunghe canoe in legno, su cui solcherete i mari (poche decine di metri in realtà!) in tutta comodità.

Quando le canoe si fermano, le guide iniziano a gettare il plancton in mare; questo si presenta come una specie di agglomerato gelatinoso, del tutto innocuo a parte il fatto che a contatto con la pelle vi pizzicherà.. a tal proposito vi consiglio di indossare delle mute o maglie/pantaloncini con cui fare il bagno, sarà più confortevole.

A questo punto vi inviteranno a tuffarvi, rimanendo vicino la canoa! Appena metterete la testa sott’acqua, aspettandovi solo scafi di canoe e persone sgambettanti, avvisterete non uno…bensì decine di squali balena, che vi schiveranno per pochissimo, venendovi incontro con la loro bocca spalancata per ingoiare quanto più plancton possibile. I primi cinque minuti saranno un continuo indicare quello o quell’altro squalo al vostro compagno di viaggio, come avesse bisogno del vostro aiuto per avvistarli… dopo poco vi accorgerete che la difficoltà non sta nel’avvistarli, bensì nello schivarli. Ovunque volgerete lo sguardo ne vedrete di più grandi e affascinanti!

Cosa portare

  • MASCHERA E SNORKEL (FONDAMENTALE!)
  • GoPro o macchinetta subacquea
  • Borsa impermeabile (sarà una salvezza in tutta la vostra vacanza)
  • Scarpette da scoglio (sulla riva ci sono molti sassolini e ciottoli)
  • Maglia/pantaloncini (da indossare sopra il costume, per evitare fastidiosi pizzichi causa plancton)
  • Protezione solare

Leave a Comment